Credito imposta per attività di ricerca e sviluppo 2015 - 2020

Credito imposta per attività di ricerca e sviluppo 2015 - 2020

Legge 23 dicembre 2014, n. 190, Art. 1, co. 35 e 36 (GU n. 300 del 29/12/2014 – Suppl. Ordinario n. 99)

La Legge di Stabilità 2015 ha riscritto la disciplina del Credito d’Imposta per Investimenti in Ricerca e Sviluppo introdotto dal Decreto Destinazione Italia, differendo la sua operatività al 2015 ma contemporaneamente allungandone il periodo di fruizione fino al 2019.

BENEFICIARI

Il Credito d’Imposta è riservato a tutte le imprese aventi sede in Italia, che effettueranno, a decorrere dall’anno 2015, attività di ricerca e sviluppo inerente alla creazione di nuovi prodotti, processi o servizi, indipendentemente dalla forma giuridica (società di capitali, società di persone, ditte individuali, ecc.) dal settore economico in cui operano, dal regime contabile adottato e anche a prescindere dal fatturato.

misura del contributo

L'incentivo è riconosciuto nella misura del 50% (dal 1° gennaio 2017 la misura dell’agevolazione è stata unificata in un’aliquota pari al 50% per tutti i tipi di spesa ammissibile) su spese incrementali in Ricerca e Sviluppo, fino a un massimo annuale di 20 milioni di €/anno per beneficiario e computato su una base fissa data dalla media delle spese in Ricerca e Sviluppo negli anni 2012-2014, a condizione che siano sostenute spese per attività di R&S almeno pari a euro 30.000.

attivita' ammissibili

  • Lavori sperimentali o teorici svolti, aventi quale principale finalità l'acquisizione di nuove conoscenze sui fondamenti di fenomeni e di fatti osservabili, senza che siano previste applicazioni o utilizzazioni pratiche dirette;
  • Ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze da utilizzare per mettere a punto o migliorare prodotti, processi o servizi oppure la creazione di componenti di sistemi complessi, necessaria per la ricerca industriale;
  • Acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati;
  • Produzione e collaudo di prodotti, processi e servizi, a condizione che non siano impiegati o trasformati in vista di applicazioni industriali o per finalità.

spese ammissibili

  • Personale altamente qualificato impiegato nelle attività di ricerca e sviluppo;
  • Quote di ammortamento delle spese di acquisizione o utilizzazione di strumenti e attrezzature di laboratorio;
  • Spese relative a contratti di ricerca stipulati con università, enti di ricerca ed organismi equiparati, e con altre imprese comprese le start-up innovative;
  • Personale Dipendente non Altamente Qualificato e Privative Industriali (Brevetti).
 

Condividi su