Back to top
Emilia Romagna - Prorogate le scadenze post-sisma

lunedì 10 febbraio 2014

Emilia Romagna - Prorogate le scadenze post-sisma

Boccata d’ossigeno per le imprese terremotate dell’Emilia Romagna. Visto l’esiguo numero di domande finanziate, rispetto 6 miliardi di contributi messi a disposizione dalla Cassa depositi e prestiti, sono stati allungati i termini di scadenza per la richiesta dei finanziamenti e allargate le maglie delle procedure di accesso ai benefici post-sisma. Con le ordinanze 2 e 3 del 27 gennaio il commissario delegato alla ricostruzione, il presidente della Regione Vasco Errani, ha infatti prorogato tutte le scadenze e ampliato platea dei beneficiari ed entità degli aiuti. Il provvedimento 2/2014, stabilisce che la scadenza della prenotazione per l'accesso ai contributi da parte delle imprese slitta dal 31 gennaio al 31 marzo di quest'anno, mentre le domande da inoltrare (tramite il modello Sfinge) potranno essere presentate fino alla fine del 2014. Inoltre, con l'ordinanza 3/2014 è stata ampliata la platea delle imprese che hanno diritto ai fondi. Adesso potranno ottenerli anche le aziende che avevano immobili in leasing (salvo poi l'obbligo di riscatto), crollati a causa del terremoto o gravemente danneggiati. È poi prevista l'estensione di un altro anno dei costi della delocalizzazione temporanea (molte aziende terremotate per non interrompere l'attività hanno infatti temporaneamente spostato la produzione in altre zone limitrofe) fino al 31 dicembre del 2014, mentre è stato disposto l'allineamento al contributo del 60% (dal precedente 50%) anche per le scorte di materie prime e per i semilavorati. Per maggiori informazioni contattaci, sarà Nostra premura rispondere il prima possibile. [divider_line type="divider_line" el_position="first"] [rev_slider_vc alias="Newsletter" el_position="last"]

 

Condividi su