• System Consulting

    • Piazza Franco Marenghi
    • 46100 MANTOVA – ITALY
    • Tel: +39 0376 24 54 11
    • P.iva 02377230202

    MILANO - Via Venini 3, 20127 Milano
    ROMA - Via Schiavonetto 270/300 Palazzo b 00173

    BRASILE - Alameda do Ingà, 840 - 34000 000 Nuova Lima - Belo Horizonte
    INDIA - 305, DLF Tower B, Jasola Distt. Centre New Delhi
    VIETNAM - 555 Kim Ma Street - Ba Dinh District - Hanoi

    Dove siamo


    Visualizza System Consulting Spa in una mappa di dimensioni maggiori

PATENT BOX SUI BENI IMMATERIALI – TASSAZIONE AGEVOLATA DEL REDDITO D’IMPRESA

  • Home
  • /PATENT BOX SUI BENI IMMATERIALI – TASSAZIONE AGEVOLATA DEL REDDITO D’IMPRESA

La legge di Stabilità per il 2015 introduce, per le imprese che utilizzano e sviluppano beni immateriali, una serie di agevolazioni del tutto nuove per il nostro ordinamento, ma già ben sperimentate in altri Paesi europei. La norma è stata modificata in più punti dal decreto legge approvato il 20 gennaio scorso dal Governo (Investment Compact), in modo da amplificarne gli effetti agevolativi. Si tratta del «Patent Box», un regime opzionale di tassazione dei redditi d’impresa derivanti dall’utilizzo o dalla cessione delle opere dell’ingegno quali i brevetti, marchi, disegni, modelli, processi, formule, know how, opere dell’ingegno, software e le informazioni relative ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico, giuridicamente tutelabili. I contribuenti che aderiranno al Patent Box potranno beneficiare di una tassazione agevolata, mediante un’esenzione da imposizione (IRES o IRPEF ed IRAP) che a regime raggiungerà il 50% del reddito derivante dall’utilizzo dei beni o diritti immateriali.

Durata: L’opzione ha durata pari a cinque periodi d’imposta (2015 – 2019), rinnovabile per ulteriri cinque anni, e una volta esercitata è irrevocabile.

Contribuenti interessati: Sono ammessi al regime del Patent Box solamente i contribuenti titolari di reddito d’impresa, senza rilevare sotto il profilo dei requisiti soggettivi, la forma giuridica, la dimensione o il regime contabile adottato.

Beneficio fiscale: L’adesione al regime del Patent Box consente ai contribuenti di escludere parzialmente da tassazione ai fini IRPEF o IRES e IRAP i redditi derivanti dall’utilizzo di determinati beni e diritti immateriali. In particolare è stato previsto che tali componenti non concorrano interamente alla formazione del reddito, in quanto esclusi a regime per il 50% del relativo ammontare. La quota del reddito agevolabile è determinata sulla base del rapporto tra i costi di attività di ricerca e sviluppo sostenuti per il mantenimento,l’accrescimento e lo sviluppo dei beni o diritti immateriali agevolabili e i costi complessivi sostenuti per la loro produzione. Condizione per poter accedere all’agevolazione è che il contribuente svolga attività di “ricerca e sviluppo”. Il Legislatore, pur ammettendo entrambi all’agevolazione, distingue i redditi derivanti dall’utilizzo dei beni e diritti immateriali tra quelli conseguiti direttamente e quelli conseguiti indirettamente:

  • Nel primo caso rientrano i redditi derivanti dall’utilizzo diretto dell’intangibile da parte del contribuente all’interno della propria azienda. Si pensi ad esempio ad una società che utilizzando un proprio brevetto, colloca sul mercato dei prodotti realizzati attraverso l’impiego del prodotto:
  • Nel secondo caso rientrano invece quelle imprese che concedono in uso a un altro soggetto un proprio diritto e bene immateriale, a fronte di uno specifico compenso. Esempio le imprese che a fronte dell’incasso di “royalty” consentono l’utilizzo di un proprio diritto industriale a terzi.

Nel solo caso in cui i beni o diritti immateriali siano utilizzati direttamente dall’impresa il loro contributo alla produzione del reddito complessivo deve essere preconcordato con l’amministrazione finanziaria attraverso un accordo che tenga conto delle norme previste per la procedura di ruling internazionale (Art. 8 Dl 269/2003).

Nel caso dell’utilizzo indiretto tale adempimento non è richiesto.

Un decreto del ministero dello Sviluppo Economico, in concerto con quello dell’Economia e delle Finanze, regolamenterà le disposizioni attuative inerenti al nuovo regime opzionale.

Entrata in vigore e fase transitoria: il regime sulla Patent Box entrerà in vigore a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 (2015 per i soggetti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare), secondo un meccanismo di esclusione progressiva del reddito. Per il primo esercizio d’imposta (2015) la percentuale di esenzione sarà pari al 30%, per il secondo esercizio d’imposta (2016) sarà pari al 40% e al regime dal 2017 in poi, l’aliquota di esenzione sarà pari al 50%.

Ulteriore agevolazione: Aderendo al Patent Box è possibile usufruire di un’ulteriore agevolazione fiscale nel caso in cui il reddito sia derivante dalla cessione a terzi del bene o diritto immateriale. Non concorrono infatti a formare il reddito complessivo le plusvalenze derivanti dalla cessione di beni o diritti immateriali a condizione che almeno il 90% dei corrispettivi della cessione venga reinvestito, prima della chiusura del secondo periodo d’imposta successivo a quello nel quale si è verificata la cessione, nella manutenzione o nello sviluppo di altri intangibili agevolabili per il Patent Box
Siamo a Vostra disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti direzione@systemconsultingspa.it

 

Scarica il pdf di approfondimento

 

Inserisci la password

 

Richiedi la password

Nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Azienda (richiesto)

Funzione (richiesto)

ERROR: search_page not found!!!